Altri contenuti - Accesso civico

Premessa
L’accesso civico, istituto nato al fine di prevenire il diffondersi di fenomeni corruttivi nelle pubbliche amministrazioni, è disciplinato dall’art. 5 del D.lgs. 33/2013 (come modificato dall’art. 6 del D.lgs. 97/2016) e può assumere una duplice forma:
1. L’accesso civico concernente dati, documenti informazioni soggetti a pubblicazione obbligatoria (art. 5, comma 1, D.lgs. 33/2013);
2. L’accesso civico generalizzato (art. 5, comma 2, D.lgs. 33/2013).

L’accesso civico concernente dati, documenti informazioni soggetti a pubblicazione obbligatoria (art. 5, comma 1, D.lgs. 33/2016)

L’accesso civico concernente dati, documenti informazioni soggetti a pubblicazione obbligatoria (art. 5, comma 1, D.lgs. 33/2016) è riconosciuto a chiunque e consiste nel diritto di richiedere documenti, informazioni o dati, la cui pubblicazione sia prevista come obbligatoria da specifiche norme di legge, nel sito istituzionale del Comune di Nureci nella sezione denominata “Amministrazione trasparente”.
Tale formulazione di accesso civico si sostanzia nella richiesta gratuita di documenti, informazioni o dati di cui sia stata omessa la pubblicazione obbligatoria disciplinata dal D.lgs. 33/2013, indirizzata al Responsabile della trasparenza dell’Ente, che è tenuto a pronunciarsi su di essa entro trenta giorni, pubblicando il documento o l’informazione richiesta sul proprio sito e contestualmente comunicando l’avvenuta pubblicazione al richiedente (con allegazione del documento richiesto o con indicazione del relativo collegamento ipertestuale). Non sono previsti limiti relativi alla legittimazione attiva e non è richiesta motivazione.
La richiesta può essere può essere presentata:
- tramite posta elettronica all'indirizzo: info@comune.nureci.or.it;
- tramite posta elettronica certificata all'indirizzo: protocollo@pec.comune.nureci.or.it;
- tramite posta ordinaria o direttamente presso l’Ufficio protocollo dell’Ente.

L’accesso civico generalizzato (art. 5, comma 2, D.lgs. 33/2016)

L’accesso civico generalizzato, previsto dal nuovo art. 5, comma 2, del D.lgs. 33/2013  allo scopo di favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull'utilizzo delle risorse pubbliche, nonché di promuovere la partecipazione al dibattito pubblico, riconosce a chiunque il diritto di accedere a dati, documenti e informazioni detenuti dall’Ente, ulteriori rispetto a quelli oggetto di pubblicazione, nel rispetto dei limiti relativi alla tutela di interessi giuridicamente rilevanti secondo quanto previsto dall’articolo 5-bis dello stesso decreto.
Tale formulazione di accesso civico si sostanzia in una richiesta gratuita, che identifichi i dati, informazioni o i documenti richiesti, indirizzata all'ufficio che detiene i dati, le informazioni o i documenti, che è tenuto a pronunciarsi su di essa entro trenta giorni dalla presentazione dell'istanza con la comunicazione al richiedente e agli eventuali controinteressati.
L’esercizio del diritto di accesso civico generalizzato non è sottoposto ad alcuna limitazione quanto alla legittimazione soggettiva del richiedente e non è richiesta motivazione.
Il richiedente è comunque tenuto a indicare le modalità mediante le quali ricevere la documentazione richiesta, preferendo l’utilizzo della comunicazione telematica tramite posta elettronica certificata, laddove ciò sia possibile o per altra via telematica di cui possa risultare traccia.
Il rilascio di dati o documenti in formato elettronico o cartaceo è gratuito, salvo il rimborso del costo effettivamente sostenuto dall’amministrazione. L’accesso civico generalizzato non è consentito se la visione o la riproduzione dei documenti o delle informazioni richieste possa arrecare un grave pregiudizio alla tutela di interessi pubblici o privati, così come previsto dalla normativa vigente, con particolare riferimento all’articolo 5-bis del decreto legislativo 33/2013, secondo le prescrizioni contenute nelle Linee Guida dell’ANAC (Determinazione ANAC n. 1309 del 28/12/2016).
Nei casi di diniego totale o parziale dell’accesso, il richiedente può presentare richiesta di riesame al Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza che decide con provvedimento motivato, entro il termine di venti giorni.
La richiesta può essere può essere presentata:
- tramite posta elettronica all'indirizzo: info@comune.nureci.or.it;
- tramite posta elettronica certificata all'indirizzo: protocollo@pec.comune.nureci.or.it;
- tramite posta ordinaria o direttamente presso l’Ufficio protocollo dell’Ente.
La modulistica necessaria per formulare la richiesta di accesso civico concernente dati, documenti informazioni soggetti a pubblicazione obbligatoria (art. 5, comma 1, D.lgs. 33/2016), ovvero la richiesta di accesso civico generalizzato (art. 5, comma 2, D.lgs. 33/2016), nonché il modello di riesame, è disponibile all’interno della seguente sezione, tra le risorse correlate.
Risorse correlate
•    Modello richiesta accesso civico
•    Modello richiesta accesso civico generalizzato
•    Modello richiesta di riesame accesso civico


Descrizione

data inserimento

ultima modifica

modello_richiesta_accesso_civico.nureci11/10/201711/10/2017
modello_richiesta_accesso_civico_generalizzato.nureci11/10/201711/10/2017
modello_richiesta_di_riesame_accesso_civico.nureci11/10/201711/10/2017

[ Indietro ]