Eliminazione delle barriere architettoniche


Che cos'è:

È un contributo regionale, erogato attraverso il Comune, per la realizzazione di opere volte a eliminare le barriere architettoniche nell’abitazione privata del disabile, nonché la realizzazione di percorsi attrezzati e la installazione di dispositivi di segnalazione atti a favorire la mobilità dei ciechi all'interno degli edifici privati. Il contributo è concesso in misura pari alla spesa effettivamente sostenuta per costi fino a 2582,28 euro; è aumentato del 25 per cento della spesa effettivamente sostenuta per costi da 2582,29 euro ad 12911,42 euro. Inoltre, un ulteriore 5 per cento è concesso per costi da 12911,43 euro a 51645,68 euro. L’esecuzione delle opere di eliminazione delle barriere architettoniche non è soggetta a concessione edilizia o ad autorizzazione.


Requisiti:

Ai cittadini residenti portatori di handicap (cecità, handicap relativo alla deambulazione e alla mobilità), coloro che hanno a carico i portatori di tali handicap, e i condomini in cui risiedono tali persone. La priorità nell’assegnazione dei contributi è data agli invalidi al 100% con difficoltà di deambulazione riconosciuta dalla ASL competente.


Dove:

SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE
via Ungheria n.31
09080 NURECI (OR)
TEL. 078396600
Fax: 078396646
E-mail: sociale@pec.comune.nureci.or.it

ORARIO e GIORNI DI APERTURA AL PUBBLICO
Mattina: dal lunedì al venerdì dalle 10.30 alle 13.00
Pomeriggio: martedì e giovedì dalle 15.30alle 17.30


Come:

Occorre presentare la domanda in bollo sull’apposito modulo presso l’Ufficio Protocollo. Le domande vanno presentate entro il 1° marzo di ogni anno. A seguito della richiesta, il Comune effettua un sopralluogo per verificare la fondatezza della richiesta, che le opere non siano già eseguite o iniziate e che la spesa prevista sia congrua. Un altro sopralluogo verrà effettuato a lavori finiti per verificarne l’esecuzione e la conformità dell’opera. Se al momento della domanda le opere sono già eseguite o iniziate il contributo non può essere erogato. Il richiedente deve anticipare la spesa per i lavori.
Le domande non soddisfatte nell’anno, per insufficienza di fondi, restano valide per gli anni successivi.

 


Documentazione:

Alle domande deve essere allegato il certificato medico in carta libera attestante l'handicap e una dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà dalla quale risultino l'ubicazione della propria abitazione e le difficoltà di accesso. Inoltre, in caso di invalidità totale occorre allegare il certificato USL (o fotocopia autenticata) attestante l'invalidità totale con difficoltà di deambulazione
Nel caso in cui richiedente e proprietario non siano la stessa persona è necessario allegare l’autorizzazione del proprietario dell'alloggio.
 


Normativa:

Legge 13/89 “Disposizioni per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati

 Stampa il procedimento  Stampa il procedimento 
[ Indietro ]