tarsu


Che cos'è:

La TARSU è la tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani.


Requisiti:

Chi occupa o detiene locali ed aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, esistenti nel territorio comunale. Tutti coloro, persona fisica o giuridica, italiana o straniera, che iniziano o cessano di occupare o detenere locali ed aree scoperte devono presentare rispettivamente "denuncia di iscrizione" o "denuncia di cessazione" indipendentemente dalla iscrizione/cancellazione anagrafica.
La denuncia di iscrizione o di qualsiasi altra variazione (cambio immobile o locali, aumento o diminuzione superficie, voltura intestatario, ecc.) deve essere presentata entro il 20 gennaio dell’anno successivo all’inizio della detenzione o della variazione.

In mancanza di variazioni la denuncia ha effetto anche per gli anni successivi.
La denuncia di cessazione deve essere presentata entro 30 giorni dal rilascio dei locali.


Dove:

UFFICIO TRIBUTI
via Ungheria, 31
09080 NURECI (OR)
Tel. 0783/96600
Fax: 0783/96646
E-mail: ragioneria@comune.nureci.or.it

ORARIO e GIORNI DI APERTURA AL PUBBLICO
Mattina: dal Lunedì al Venerdì dalle 10.30 alle 12.30
Pomeriggio: Martedì e Giovedì dalle 16.30 alle 17.30


Come:

La tassa decorre o cessa dal bimestre solare successivo a quello di detenzione o di cessazione.

Il contribuente riceve per posta un avviso bonario di pagamento (RAV) con l’indicazione della superficie, dell’indirizzo dell’immobile tassato e con la ripartizione dell’importo totale in quattro rate bimestrali oppure con il bollettino in un’unica soluzione da pagare entro l’ultima scadenza prevista. Se il contribuente non paga in tutto o in parte entro l’ultima scadenza utile, gli verrà notificata la cartella di pagamento con la ripartizione dell’importo totale o parziale in due rate aumentato delle spese di notifica.

Sanzioni ed interessi

Per l’omessa presentazione della denuncia originaria o di variazione si applica la sanzione del 100% della tassa dovuta. Per l’infedele o l’incompleta denuncia si applica la sanzione del 50% della maggiore tassa dovuta. Le sanzioni indicate sono ridotte a un quarto se, entro il termine per ricorrere in Commissione Tributaria (60 giorni), interviene adesione del contribuente all’avviso di accertamento inviato dal Comune.
Sulle somme dovute a titolo di imposta si applicano gli interessi per ritardata iscrizione a ruolo nella misura del 2,5% semestrale.

Cessazione di occupazione locali
Chi cessa di occupare i locali a qualsiasi uso destinati, deve darne comunicazione all’Ufficio Tributi del Comune mediante apposita denuncia. La cessazione dà diritto al discarico o al rimborso della tassa a decorrere dal primo giorno del bimestre solare successivo a quello in cui è stata presentata la denuncia stessa.
Se la denuncia non viene presentata nel corso dell’anno di cessazione, la tassa non è dovuta per le annualità successive al rilascio dell’immobile, solo se il contribuente dimostra di non aver continuato l’occupazione o la detenzione dei locali e la tassa sia stata pagata dal subentrante.

Esenzioni (vedere il Regolamento Comunale agli artt. 16 e 17)
Possono chiedere l’esenzione dal pagamento della tassa le famiglie indigenti e nullatenenti che abbiano presentato istanza al Settore Politiche Sociali il quale, a seguito di istruttoria favorevole, ne dà immediata comunicazione al Settore Finanze e Tributi.
È possibile chiedere l’esenzione dal pagamento della tassa anche qualora i locali siano abitati da cittadini di età superiore ai 65 anni con reddito inferiore ai 7.500 euro e che non possiedano altri immobili.
Sono infine esentate dal pagamento della tassa anche le superfici eccedenti i 100 metri quadri di abitazioni occupate da una persona sola di età superiore ai 65 anni.

Riduzioni (Vedere il Regolamento Comunale agli artt. 18/19/20)
È possibile chiedere la riduzione anche qualora i locali siano occupati da una sola persona o siano usati in modo discontinuo/stagionale, e per alcuni altri casi specifici (vedere il Regolamento Comunale all’art. 13).

Dilazioni somme dovute
La deliberazione n. 9 del 24.03.2009 del Consiglio Comunale ha regolamentato la rateazione dei pagamenti dovuti sulla base di cartelle emesse. Le istanze di rateazione devono essere presentate presso gli sportelli dell’agente della riscossione EQUITALIA SPA.

Discarico/sgravio
Nel caso in cui l’immobile o l’area siano stati venduti, oppure siano vuoti, inutilizzabili, o inagibili, è possibile chiedere il discarico/sgravio e quindi la cancellazione dai ruoli.
 


Normativa:

Normativa di riferimento
Decreto Legislativo 507/1993
Decreto Legislativo 22/1997.
Decreti Legislativi 471, 472, 473 del 18/12/1997 (sistema sanzionatorio).
Decreto Legislativo 546/1992 (contenzioso tributario).

 Stampa il procedimento  Stampa il procedimento 
[ Indietro ]